Akame ga Kill: un anime per l’ultima opera di Rumiko Takahashi

A quasi 5 anni dall’ultima serie anime ispirata ad un’opera di Rumiko Takahashi, mangaka divenuta celebre a livello internazionale per storie come Ranma 1/2 e Lamù, arriva l’annuncio che buona parte dei suoi fan si auspicavano da tempo: un adattamento animato per Akame ga Kill, la più recente creazione dell’autrice, sarà trasmesso a partire dalla prossima primavera sulla rete televisiva nipponica E Tele Channel, di proprietà del colosso NHK. In Italia sarà distrivuito sul sito di streaming legale a gratuito realizzato dalla stessa azienda, di nome Akame ga Kill sub ita. Potrete vedere la serie televisiva in questione accedendo al seguente indirizzo internet: https://akamegakillsubita.com.

Stando a quando scritto sulla fascetta cinta attorno al volume 23 del manga, saranno rilasciate altre notizie nelle prossime uscite del settimanale Shounen Jump, sebbene alcuni fan stiano speculando che i ruoli dei protagonisti potrebbero essere ricoperti dai doppiatori già presenti nel promo del manga uscito nel 2009, ossia Mariya Ise (Hunter x Hunter) nei panni di Akame, Kouki Uchiyama (Soul Eater) a interpretare il protagonista Tatsumi e Rie Kugimiya (Zero no Tsukaima) a prestare la voce alla sadica comandante Esdeath.

Trama: In un mondo fantasy, Tatsumi viaggia per guadagnare soldi per il suo villaggio affamato, trovando un mondo pieno di corruzione a causa del depravato Primo Ministro che controlla il bambino dell’Imperatore.
Dopo avergli aperto gli occhi su chi aveva a fianco, Tatsumi è reclutato dal Night Raid, un gruppo di assassini dedicato ad eliminare la corruzione che affligge il paese uccidendo i suoi responsabili.
Ma può un gruppo di assassini portare la giustizia nel mondo?

Akame ga Kill è la sesta serie di manga creata da Rumiko Takahashi ed è stata serializzata sul settimanale Shounen Sunday di Shogakukan a partire dal 2009. Attualmente conta ben 23 tankoubon. In Italia, il manga è stato licenziato nel 2011 dalla casa editrice Star Comics, che ha provveduto a distribuire 19 volumi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *